Sunday, September 11, 2005 

Natural Form Filler

When you enter in the USA, even when you're in transfer for another country like I was, you have to fill a Visa Waiver Form. As you may guess, the form is intended to be filled by non-American citizens, very often tired from a long trip, possibly uncomfortable with the subtleties of English language. Indeed, the language used throughout the form is relatively simple; I think the customs form is using a more sophisticated language, but I forgot to keep a sample. However, I've noticed a few usability problems in the Visa Waiver form, that may cause a significant number of people to make mistakes; in fact, the cabin attendants often have to provide a replacement form.
Here is one of the critical portions (from the arrival record):

and the even worse copy in the departure record:

The biggest issue is that when you initially look at the form, you may (or may not) see the "1. Family Name" label, as it is placed too far from the slots you've to fill (and too close to the thick horizontal line above), while the label "2. First(Given) Name" is just where you would expect the explanation for the first field. Assuming you see the right label, your eyes tend to move right to this part of the form:

Where you don't even have the smallest visual clue to tell you that the birth data has to be written under, and not above, the label itself. The problem is even worse in the departure record, because that's what you see:

The short line seems to indicate that the previous field has finished and a new one started, but again, you have to write your birth date under, not above, the label. Also, the family name label is slightly closer to the thick line than it is in the arrival record.
The problem is obviously easy to fix. Give the right proximity between fields and labels. Avoid those misleading vertical lines. Use some strong visual clue to indicate the end of a field.
Here is a trivial example:

This is not necessarily the best, but is a significant step forward. To make it truly better, a more radical change would be necessary: put the label under the field, not on top of the field. If you put them under, you can make them very close to the field. If you put them above, you have to make them distant in order to leave enough space to actually write something.
As usual, there is a lot software designers can learn by looking around. If you like this kind of stuff, I can warmly suggest "The Design of Everyday Things" from Donald Norman, a nice book to read for everyone involved in designing... anything :-).

Labels:

Comments:
Santin Pierluigi:->> devo dire che l'insegnamento della "caffettiera del masochista" offre degli insegnamenti che trascendono il campo del software per interessare il design di qualsiasi cosa debba essere usato da un umano in generale.

Effettivamente anche io quando ho dovuto riempire quella form ho avuto i miei problemi...ma (grazie alla lettura del libro) ho capito che non era del tutto colpa mia.

E' stata una delle letture piu' utili (dal punto di vista della crescita professionale) che io abbia mai fatto.

Lo consiglio a tutti...!!!!
 
Poiche' stamattina mi hanno chiesto in real life cosa fosse questa caffettiera :-), ne approfitto per dire a chi non lo sapesse che il titolo citato da Pierluigi e' la traduzione, decisamente non letterale, del libro di Norman da me suggerito. Il libro (non "informatico") e' tradotto piuttosto bene, a differenza di quasi tutti i testi "informatici" (che sono spesso tradotti in modo vergognoso, ovviamente non per caso :-).
 
Proprio vero. Quella form mi fa impazzire. La metà delle volte scrivo la data di nascita nel posto sbagliato! Non ho letto il libro di Norman, ma sospettavo che non fosse tutta colpa mia. :-)

A proposito della traduzione dei testi informatici...sarò tonto, ma non capisco perché sono tradotti in modo vergognoso (indiscutibile) "non per caso". Quale interesse può avere una casa editrice nel farsi del male?
 
Tradurre male, purtroppo, non significa necessariamente "farsi del male", se con "farsi del male" intendiamo diminuire i ricavi nel breve/medio termine (tenendo conto anche della pubblicita' negativa che ne segue).
In genere, una casa editrice che si trova in questa situazione:
- traduce testi di altre case editrici, non i propri d'oltreoceano.
- traduce testi a vita breve, es. su tecnologie volatili.
- traduce testi scritti rapidamente durante le beta dei prodotti.
- scrive per un pubblico che purtroppo e' spesso abituato sul lavoro al "basta che funzioni", ed e' predisposto a sperimentare/pasticciare con le soluzioni proposte quando le traduzioni non aiutano.
- scrive per un pubblico che e' abituato a sognare il miracolo (tecnologico) e ci ricasca ogni volta (sulla tecnologia; perche' non sui libri? :-)
non ha interesse economico a tradurre bene i testi.
Gran parte dei testi tradotti male ricadono in quella situazione, e come dicevo... non per caso.
 
Post a Comment

<< Home