Dr. Carlo Pescio
Recensione: Progettare Applicazioni per Win32


Scheda Libro
Autore: Dino Esposito Titolo: Progettare Applicazioni per Win32
Editore: McGraw Hill ISBN: 88-386-0444-4
Lingua: Italiano Anno: 1997 Pagine: 570 circa Allegati: CD-Rom con sorgenti e wizard

Commenti
Non si può certo dire che vi sia carenza di libri sulla programmazione Windows. Quello che rende il libro di Dino Esposito pressoché unico è l’enfasi sulla realizzazione di una applicazione completa, che tenga il passo con gli altri prodotti commerciali.
Il testo inizia con una presentazione dei requisiti richiesti per apporre il logo "Designed for Windows 95" al proprio prodotto. Passa poi a discutere brevemente i diversi approcci allo sviluppo (SDK, MFC, OWL, Visual Basic, Delphi). La soluzione proposta dall’autore è l’uso del C e delle chiamate dirette all’API, con l’eventuale intermediazione di una API estesa, che permetta di astrarre alcune porzioni di codice ripetitive. Nel capitolo successivo viene quindi introdotto un Custom AppWizard (disponibile sul CD-Rom allegato) che genera uno scheletro di codice C già arricchito di funzionalità interessanti, come il supporto per il DDE, il Drag&Drop, ma anche il "tip of the day" o la posta elettronica. Inizia poi la parte più tecnica del testo, dove viene discussa nel dettaglio l’implementazione delle varie funzionalità previste dal Custom AppWizard, ma anche l’uso del registry, dei nuovi controlli di Windows come le finestre Rebar, ComboboxEx e calendario, l’implementazione di tooltip custom, e così via. Non manca un capitolo su OLE, visto soprattutto nell’ottica del Drag&Drop e delle shell extension, nonché uno sulla programmazione internet in ottica client, quindi con enfasi sul browsing e sulla posta elettronica. Infine, a giusto completamento di un testo rivolto a chi vuole realizzare applicazioni reali, non poteva mancare una discussione dei programmi di installazione e dell’help in linea. In appendice vengono descritti alcuni tool presenti nel CD a corredo, come l’editor per il tip of the day.

Pro
Non si tratta del solito libro introduttivo o dell’ennesimo reference dell’API, ma di un testo originale nei contenuti e nella presentazione. Lo stile è quello classico di Dino, che molti lettori ben conosceranno: decisamente scorrevole, con frequenti riferimenti a problematiche reali e sempre orientato al risultato. Risulta evidente che l’autore conosce bene gli argomenti di cui scrive, e a differenza di tanti instant-book qui non mancano i consigli guidati dall’esperienza diretta, maturata nel tempo.

Contro
Il difetto maggiore è sicuramente l’anno di uscita, in un mercato in rapida evoluzione. D’altra parte, molti capitoli sono stati aggiornati con informazioni molto recenti, poco prima della stampa. La scelta di sviluppare un wizard anziché una libreria di classi è coerente con il pensiero dell’autore, ma un po’ discutibile sul profilo della manutenzione.