UML 2 Manuale di stile: Collaborazioni


Il progetto UML Manuale di Stile ha l'obiettivo di raccogliere e strutturare un insieme di raccomandazioni per il migliore utilizzo di UML 2.

Con questo testo vorrei sperimentare un approccio collaborativo alla stesura del documento. Ho iniziato stendendo alcune linee guida fondamentali, e lo arricchirò via via che il tempo lo consente e che nuove indicazioni emergono dalla pratica, dalle riflessioni e dalle conversazioni.
Spesso alcune regole che utilizziamo quotidianamente rimangono a livello subliminale, e non emergono a livello conscio se non dopo una certa fatica. Talvolta basta invece una semplice domanda per innescare il giusto processo che porterà ad enucleare in modo più chiaro ed organico il proprio pensiero. Altre volte ancora, solo dopo una lunga ed estenuante discussione si riesce a raggiungere la necessaria precisione, staccata da preconcetti ed abitudini personali.

Vorrei invitare tutti i progettisti ed analisti con una certa esperienza a partecipare in modo attivo allo sviluppo di questo documento. Ho attivato un indirizzo email apposito (umlstile@eptacom.net) per gestire al meglio ogni proposta, discussione, critica, contributo e quanto altro possa emergere.
Penso soprattutto a nuove raccomandazioni, ma anche eccezioni alle regole, riferimenti bibliografici che posso aver saltato, spunti ed ogni tipo di osservazione saranno sicuramente utili. Ad ogni contributo verrà ovviamente reso il giusto credito, sia in una apposita pagina, in cui vorrei raccogliere i nomi di tutti coloro che hanno partecipato alla crescita del Manuale di Stile, sia nelle parti che più da vicino toccano i temi che avremo insieme discusso.
Pur non essendo un vero "libro open source", vorrei in qualche modo provare a sperimentare un approccio diverso dal solito. Un po' tutto il testo si svilupperà come un esperimento, dalla scelta di distribuirlo gratuitamente su internet, a quella di iniziare con un draft pubblico che crescerà nel tempo, a quella di tentare il coinvolgimento di altre persone di esperienza.

Credo comunque che un importante contributo possa venire anche da chi ha meno esperienza pratica, ma ha invece degli interrogativi interessanti che potrebbero arricchire il testo. E naturalmente, ogni altra forma di collaborazione, dalla segnalazione di errori di grammatica ed impaginazione a qualche idea per una copertina snella ma piacevole, saranno più che apprezzate.